mercoledì 19 luglio 2017

Mondiale Formula1 2017: la rinascita delle Frecce d'Argento.

Il Gran Premio del Canada dello scorso 11 giugno sarà probabilmente ricordato come il punto di svolta del Campionato Mondiale di Formula 1 del 2017. La doppietta Mercedes a Montreal (primo Hamilton, secondo Bottas) ha infatti segnato la rinascita delle Frecce d'Argento dopo il weekend da incubo di Montecarlo. Dal Canada in poi, fino a Silverstone compreso, sono ben 151 i punti conquistati dalla MercedsAMGF1, contro i soli 79 portati a casa dalla Ferrari.

(foto da youtube.com)

Nei primi sei Gran Premi della stagione (dall'Australia a Montecarlo) la Mercedes aveva guadagnato 179 punti, con una media di 24 punti a Gran Premio.

Nei successivi quattro Gran Premi (dal Canada alla Gran Bretagna) la media è salita a 37,75, per un bottino di 151 punti.

Dopo Montecarlo la Ferrari aveva 17 punti di vantaggio sulla Mercedes nel Mondiale costruttori; dopo Silverstone le posizioni si sono invertite, con uno scarto di 55 punti a vantaggio della Mercedes.

In soli quattro Gran Premi le Frecce d'Argento hanno guadagnato 72 punti sulla Ferrari.

Sembra pertanto che, dopo l'evidente flessione mostrata in Spagna e a Montecarlo, la W08 sia tornata ad essere molto competitiva e performante. Dire che sia avviata a ripercorrere i fasti irripetibili della W07 è sicuramente eccessivo, però i miglioramenti sono evidentissimi e l'evoluzione di telaio e motore sta fornendo ottimi risultati.

Scaramanticamente bisognerebbe tacere, tuttavia appare ragionevole pronosticare che anche il Mondiale costruttori 2017 sia indirizzato verso Brakley e Stoccarda.  




lunedì 17 aprile 2017

Formula1 2017: un Mondiale politicamente già assegnato?

Vettel impunito in Cina nonostante l'evidente irregolare posizionamento della sua monoposto sulla piazzola di partenza, Hamilton punito in Bahrain per la velocità troppo bassa (Sic!) tenuta nella corsia che porta ai box. Sono questi i segnali che potrebbero far pensare ad una scelta ben precisa già maturata in casa FIA: per ragioni politiche, il Mondiale 2017 non può essere nuovamente vinto dalla Mercedes. Via libera dunque, anche con qualche aiutino, alla Ferrari. E Marchionne ringrazia.  



La palese disparità di trattamento tenuta dagli organi disciplinari della FIA in occasione dei due episodi che hanno visto come protagonisti Vettel ed Hamilton getta ombre inquietanti sul Mondiale 2017 di Formula1.  Un Campionato che si preannunciava finalmente combattuto ed avvincente, grazie alla ritrovata competitività della Ferrari, rischia di essere falsato dalle decisioni politiche forse assunte in qualche segreta stanza della Federazione Internazionale.

E altri indizi in tal senso non mancherebbero: il doveroso ingresso della safety car negli ultimi giri del BahrainGP avrebbe consentito ad Hamilton di raggiungere più agevolmente Vettel. Invece Charlie Whiting, con i Commissari a bordo pista in un tratto pericoloso del percorso (causa l'usura dei freni delle monoposto), ha fatto finta di niente, limitandosi a gestire l'emergenza con l'esposizione delle bandiere gialle (e quindi aiutando Vettel). 

Tre indizi nell'arco di otto giorni sono sufficienti per concretizzare una prova? Le prossime gare daranno la risposta. Certo è che, al posto della Mercedes, qualche telefonata ai piani alti della FIA noi cominceremmo a farla. 

martedì 28 marzo 2017

Gran Premio d'Australia: Mercedes azzoppata dalle gomme.

Dopo il primo Gran Premio della stagione, corso a Melbourne, qualcuno pensa di avere già vinto il Campionato del Mondo 2017 di Formula 1; qualcun altro straparla ed afferma che è tornata la “vera” Formula 1 solo perchè, dopo una vita, la Ferrari ha vinto un Gran Premio; in molti, in preda alle visioni, parlano di “dominio” della Ferrari. In pochi, almeno in Italia, ammettono che si, ha vinto Vettel, ma soprattutto ha perso la Mercedes.


Basterebbe andare con la memoria al Gran Premio d’Australia del 2016: la doppietta Mercedes fu dovuta più che altro ad un caso fortuito, dopo che Vettel aveva avuto ampie possibilità di vincere la gara. Nulla di eccezionale, dunque, nel fatto che a Melbourne la Ferrari possa andare meglio della Mercedes. Dovesse accadere anche in Cina, nel secondo Gran Premio della stagione, allora si potrebbe parlare di svolta ma, fino a quel momento, certi entusiasmi appaiono del tutto fuori luogo (e anche un poco risibili).


In realtà il solo (anche se determinante) e vero problema accusato dalla Mercedes a Melbourne è stato quello delle gomme. Consumo anomalo, sottosterzo e scarso grip: sulla pista (anomala) australiana il binomio Mercedes + Pirelli non ha trovato il giusto feeling. Non sono molte, nel Campionato, le piste con caratteristiche analoghe e dunque le prospettive per la W08 non sono certo funeree. Il secondo e terzo posto in Australia va quindi accolto con serenità, trattandosi di un ottimo risultato di squadra, nella consapevolezza, tuttavia, che, statisticamente, non è immaginabile un dominio delle Frecce d’Argento pari a quello delle ultime tre stagioni di Formula 1.

giovedì 23 febbraio 2017

Presentata la Mercedes W08 Hybrid.

Il gran giorno è finalmente arrivato: oggi a Silverstone è stata presentata la W08 Hybrid con la quale il team MercedesAMGF1 disputerà il Campionato del Mondo F1 del 2017.


Più lunga rispetto alla monoposto che ha dominato la passata stagione di Formula1, la W08 è bella ed aggressiva, con un muso molto appuntito, fiancate larghe che improvvisamente si stringono parecchio e pancia stretta.  E' scomparsa la pinna sul retrotreno.

Pare che il motore sia in grado di erogare 50 CV di potenza in più rispetto alla W07. Nei prossimi giorni a Barcellona inizieranno i test. Speriamo che, ancora una volta, si tratti dell'ennesimo gioiello di Aldo Costa.






martedì 21 febbraio 2017

Formula 1 2017: la squadra Mercedes è pronta.

Quando ormai manca pochissimo alla presentazione della nuova monoposto che disputerà il Campionato del Mondo 2017, in Mercedes tutte le caselle con i nomi dei principali protagonisti della nuova stagione sono ora al completo.


Il 23 febbraio prossimo a Silverstone sarà presentata ufficialmente la Mercedes W08 Hybrid. Quindi, dal 27 febbraio al 2 marzo il team sarà impegnato a Bercellona  nei test invernali. L'augurio è che la nuova W08 possa ripercorrere la marcia trionfale della W07, una delle monoposto più vincenti di tutti i tempi.



Nel frattempo, è stato completato l'organico del team. Dopo l'arrivo di Valtteri Bottas in sostituzione di Nico Rosberg, anche il posto lasciato vacante da Paddy Lowe è stato occupato: dal prossimo 1° marzo James Allison sarà il nuovo Direttore Tecnico. In Ferrari dal 2013 al 206 (diverse le voci sui motivi del divorzio da Maranello: soltanto problemi familiari o anche contrasti con la dirigenza Ferrari?), non resta che augurare ad Allison le stesse fortune di Aldo Costa, anche lui autore (vincente) del medesimo passaggio da Ferrari a Mercedes. 

Infine, il duo austriaco: Niki Lauda e Toto Wolff resteranno alla guida del team fino al 2020, il primo nella consueta veste di Presidente Onorario ed il secondo nell'ormai consolidato ruolo di Team Principal.

La squadra è dunque al completo. Manca soltanto lei, la W08. Ma è questione di ore.



domenica 27 novembre 2016

AbuDhabiGP: si chiude un triennio fantastico.

Con il Gran Premio di AbuDhabi si è concluso il Campionato del Mondo F1 del 2016. Nico Rosberg si è laureato Campione del Mondo vincendo la sfida contro il compagno di squadra Lewis Hamilton. C'è un solo modo per superare le polemiche e le ripicche tra i i due piloti della Mercedes AMGF1: celebrare le vittorie di una monoposto straordinaria, di una squadra che nel triennio 2014-2016 ha dominato la Formula1. Una delle squadre più forti di tutti i tempi.


Dall'avvento del motore ibrido (anno 2014) ad oggi si sono corsi in Formula 1 59 Gran Premi: di questi, ben 51 sono stati vinti da una monoposto Mercedes: 16 su 19 nel 2014, 16 su 19 nel 2015, 19 su 21 nel 2016. Al di là dei tre titoli Costruttori e Piloti vinti consecutivamente, un predominio probabilmente mai visto. Forse per questo motivo la FIA e Bernie Ecclestone hanno deciso di cambiare le regole del gioco a partire dall' anno 2017: nuovi pneumatici, nuovi motori, nuovi telai. Ma non c' è dubbio che Toto Wolff, Paddy Lowe e gli ingegneri Mercedes (tra i quali l'Italiano Aldo Costa) metteranno in pista nel mese di marzo 2017 una monoposto altrettanto competitiva. La leggenda continuerà.

domenica 30 ottobre 2016

MexicoGP: 17 vittorie Mercedes nel Campionato 2016

Il Gran Premio di Città del Messico si è concluso nel modo più scontato: dominio Mercedes, sorprendente e sproporzionato entusiasmo della Ferrari per un modesto terzo posto, solita partigianeria dei giornalisti italiani.


Ma la vittoria di Hamilton ha anche un altro significato: la Mercedes ha vinto la diciassettesima gara della stagione 2016. Nessuno, nella storia della Formula 1, ha saputo fare altrettanto nel corso di un Campionato..