domenica 30 ottobre 2016

MexicoGP: 17 vittorie Mercedes nel Campionato 2016

Il Gran Premio di Città del Messico si è concluso nel modo più scontato: dominio Mercedes, sorprendente e sproporzionato entusiasmo della Ferrari per un modesto terzo posto, solita partigianeria dei giornalisti italiani.


Ma la vittoria di Hamilton ha anche un altro significato: la Mercedes ha vinto la diciassettesima gara della stagione 2016. Nessuno, nella storia della Formula 1, ha saputo fare altrettanto nel corso di un Campionato.. 

sabato 29 ottobre 2016

Pole position numero 71 per la Mercedes al GP del Messico

Con quella conquistata oggi da Lewis Hamilton nelle qualifiche del Gran Premio del Messico, sono 71 le pole position del team Mercedes nella storia della Formula 1.




Miglior tempo per Lewis Hamilton, seguito da Nico Rosberg e da Max Verstappen: questo l'esito delle qualifiche di oggi per il Gran Premio del Messico. Di nuovo prima fila tutta Mercedes. Il pilota britannico porta a 71 il numero di pole position conquistate dalle Frecce d'Argento nella storia della Formula 1.

Il primo ad aggiudicarsi la pole fu Juan Manuel Fangio nelle qualifiche del GP di Francia disputato a Reims nel 1954, al volante della W196. In totale, il pilota argentino portò la Mercedes in pole per 7 volte, l'ultima in occasione del Gran Premio d'Italia del 1955. Sir Stirling Moss si aggiudicò una sola pole con la Mercedes, quella del Gran Premio di Gran Bretagna del 1955. A causa dei lunghi anni di assenza dalla Formula 1, le rimanenti 63 pole position della Mercedes sono interamente suddivise tra Hamilton (33) e Rosberg (30), conquistate in sole 5 edizioni del Campionato del Mondo (delle quali una ancora in corso). 


lunedì 24 ottobre 2016

E sono 50 le vittorie di Lewis Hamilton

Dominando il Gran Premio degli Stati Uniti dall'inizio alla fine, Lewis Hamilton ha collezionato la sua cinquantesima vittoria in Formula 1. Meglio di lui soltanto Michael Schumacher ed Alain Prost.


Sembrava quasi diventata una maledizione per Lewis Hamilton arrivare al numero rotondo di cinquanta vittorie in Formula1. Fermo a quarantanove da ben cinque Gran Premi (ultimo successo in Germania il 31 luglio scorso), ieri ad Austin il pilota inglese della Mercedes ha finalmente sciolto l'incantesimo, aggiudicandosi con pieno merito la gara.

Hamilton diventa dunque il terzo pilota della storia della Formula 1 ad avere vinto almeno 50 gare. Il primo è Michael Schumacher, con 91 vittorie, mentre il secondo è Alain Prost, con 51.

Quanto al Campionato del Mondo 2016, il distacco di Hamilton da Rosberg si è ridotto a 26 punti. E' un distacco importante, non semplice da colmare a tre gare dalla fine, in assenza di un evento che impedisca a Rosberg di concludere una gara. La supremazia delle Frecce d'Argento è tale, infatti, che, pur se Hamilton vincesse tutte le gare che rimangono, difficilmente Rosberg scenderebbe oltre al secondo posto in ciascun Gran Premio. L'esito del Campionato pare dunque segnato, anche se un evento fortunato (e sfortunato per Rosberg) potrebbe ancora riaprire i giochi.

mercoledì 19 ottobre 2016

GP USA 2015: Hamilton Campione del Mondo

Il 25 ottobre 2015, vincendo il Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin, Lewis Hamilton conquista il suo terzo titolo di Campione del Mondo Piloti di Formula 1, il secondo consecutivo con la Mercedes.


Un anno fa al 48° giro (sui 56 previsti) del Gran Premio di Austin si è decisa la storia del Campionato del Mondo Piloti 2015. Grazie ad un errore di Rosberg, che perde aderenza alla curva 13, Hamilton lo sorpassa e conclude la corsa al primo posto, con 2,8 secondi di vantaggio sul compagno di squadra.

Grazie al successo, Hamilton diventa matematicamente Campione del Mondo, con tre gare ancora da disputare fino al termine della stagione.

Quest'anno, comunque vada a finire la gara, non ci sarà alcuna certezza matematica sull'esito della lotta per il titolo mondiale. Ma indicazioni importanti potrebbero comunque venire.





domenica 9 ottobre 2016

Formula 1: Mercedes Campione del Mondo costruttori anno 2016.

208 punti di vantaggio sulla squadra seconda in classifica (la Red Bull). Con questo margine, al termine del Gran Premio del Giappone, la MercedesAMGF1 si è matematicamente aggiudicata il titolo di Campione del Mondo costruttori per l'anno 2016, con quattro gare di anticipo rispetto alla fine della stagione. 



Per il terzo anno consecutivo le Frecce d'Argento portano a casa il Mondiale costruttori. A dire il vero questo esito praticamente non è mai stato in discussione nel corso di tutta la stagione. Soltanto i test invernali precedenti all'avvio del Campionato avevano indotto (chissà poi perché!) taluni a ritenere che la supremazia della Mercedes potesse essere scalzata. Così non è stato ma, nello sport come nella vita, non è mai detta l'ultima parola e quindi finalmente la pratica si è chiusa in Giappone con la certezza matematica del titolo.

Ufficialmente si tratta per le Frecce d'Argento "soltanto" del terzo titolo mondiale nella storia della Formula 1, che lo prevede non dall'inizio della competizione, anno 1950, ma  dall'anno 1958, quindi dopo i trionfi della W196 a metà degli anni Cinquanta del secolo scorso e dopo il ritiro della Mercedes dalle competizioni sportive a seguito della tragedia di LeMans.

Al netto delle stagioni in Formula 1 vissute come fornitore di motori, che peraltro hanno portato alla conquista del titolo costruttori la McLaren (1998) e la Brawn GP (2009), dal ritorno a pieno titolo della Mercedes come team ufficiale, avvenuto nell'anno 2010, si registrano quindi tre Mondiali vinti su  sette partecipazioni. Non male. I tifosi (e ce ne sono anche in Italia) ringraziano e festeggiano.    

sabato 8 ottobre 2016

Qualifiche F1 GP Giappone: prima fila come sempre Mercedes

Nessuna novità al termine delle qualifiche per determinare la griglia di partenza del Gran Premio del Giappone che si correrà domani sul circuito di Suzuka: la prima fila è ancora una volta tutta Mercedes. Al terzo posto la Ferrari di Raikkonen, a poco meno di tre decimi dalla Freccia d'Argento più vicina.


Con uno strepitoso ultimo giro, Nico Rosberg conquista la pole position del gran Premio del Giappone, precedendo di soli 13 millesimi di secondo il compagno di squadra Lewis Hamilton. Non male, questa volta, la prestazione delle vetture di Maranello che si posizionano immediatamente alle spalle delle Mercedes e sopravanzano le due Red Bull (anche se Vettel, a causa della penalizzazione riportata nel GP di Malesia, sarà costretto a partire dal settimo posto, quindi in quarta fila). Sorprendentemente positiva la Haas, che si posiziona all'ottavo posto con Grosjean e al decimo con Gutierrez. Non bene la McLaren nel circuito di casa Honda: Button eliminato nel Q1 ed Alonso eliminato nel Q2.

Ora non resta che attendere con ansia la partenza di domani (alle 7:00 ora italiana, diretta Sky e RAI), con l'auspicio che Rosberg ed Hamilton non combinino disastri al via.  Una partenza regolare ed una gara normale potrebbero regalare alla MercedesAMGF1 la certezza matematica del titolo costruttori anno 2016. 



giovedì 6 ottobre 2016

Mercedes: in Giappone per vincere il mondiale costruttori Formula 1.

Le vicende sfortunate del Gran Premio di Malesia a Sepang hanno impedito alla MercedesAMGF1 di vincere aritmeticamente, con largo anticipo, il Campionato del Mondo costruttori 2016. Ma l'appuntamento è soltanto rinviato: il prossimo 10 ottobre, in Giappone, senza imprevisti, si potrà festeggiare.   

Per riuscirci sarà anche importante smaltire le scorie cattive lasciate dalla improvvisa rottura del motore della W07 di Lewis Hamilton registrata a Sepang. Sul punto, sono state molto chiare le parole di Toto Wolf.


Per smontare le assurde teorie complottiste amplificate ad arte da giornalisti interessati a favorire altri team, Toto Wolff è stato molto chiaro: "Lewis .... ha capito che noi proviamo il suo stesso dolore. Nonostante la sua frustrazione, ha cercato di risollevare il team e lo ammiro più che mai per questo. Ci rialzeremo insieme". 

Espressioni eloquenti che smentiscono ogni ipotesi di presunte "guerre" all'interno della squadra. Tra l'altro, l'analisi effettuata sul motore della W07 di Hamilton ha consentito di accertare la causa della rottura del motore: un cuscinetto a sfere difettoso di una biella. La contromisura è stata subito individuata e condivisa con tutti i team che utilizzano il propulsore Mercedes. Con buona pace anche per chi ha vaneggiato di una rottura del motore della monoposto di Hamilton causata dalla presunta "pressione" esercitata su di lui da Ricciardo. E' stato un banale cuscinetto a sfere, non la Red Bull di Ricciardo, a mandare in panne il motore della Mercedes numero 44.

domenica 2 ottobre 2016

GP Malesia: rinviata la festa Mercedes per il Mondiale costruttori.

Quando i più forti hanno un attimo di sbandamento, i più furbi tra coloro che non vincono mai (e continuerebbero a non vincere mai competendo alla pari) ne approfittano come avvoltoi e si aggiudicano premi impensati ed impensabili. Questo è quel che è accaduto oggi nel GP di Formula 1 corso sul circuito di Sepang in Malesia.


Rosberg colpito da Vettel alla prima curva dopo il via e costretto a ripartire dalle ultime posizioni, Hamilton tradito dal motore mentre si apprestava a vincere meritatamente il Gran Premio. Grazie a queste due sventure, la Red Bull  sale sui primi due gradini del podio a Sepang (Ricciardo 1° e Verstappen 2°). Al terzo posto Rosberg, autore di una strepitosa rimonta,

Il Campionato del Mondo Costruttori

L'esito imprevisto del Gran Premio ha impedito alla MercedesAMGF1 di festeggiare già in Malesia, in anticipo di cinque gare rispetto alla conclusione del Campionato, il titolo Mondiale Costruttori dell'anno 2016. L'appuntamento è soltanto rimandato: già domenica prossima in Giappone, sul circuito di Suzuka, basterà una gara normale da parte di Hamilton e Rosberg per dare alla Mercedes la certezza matematica della vittoria.

La Ferrari

Occuparsi della Ferrari di Marchionne quest'anno significa sparare sulla Croce Rossa e dunque l'ultima delle intenzioni era quella di menzionare la casa di Maranello in questo post. Noblesse oblige.
Tuttavia su alcuni social qualche poveretto tifoso ferrarista ha esultato pesantemente vedendo andare in fiamme il motore della Mercedes di Hamilton. E allora a questi poveretti va ricordato che, grazie alla fallimentare gestione di Marchionne e di Arrivabene, Vettel e Raikkonen sono costretti quest'anno a guidare un trattore che nemmeno arriverà al secondo posto del Mondiale Costruttori. Quindi cosa c'è da gioire?